venerdì 16 maggio 2008

Il cat 33 "PatuPatu"



Questi sono il profilo e la pianta di "PatuPatu", un Cat33 progettato da Carlo Alberto Tiberio nei primi anni '70 e costruito dal cantiere Artmare nel 1975.

Carlo Alberto Tiberio era professore di fisica all'Università di Roma e in quegli anni disegno alcune barche da crociera e da regata.

Il Cat 33 fu preceduto dal Cat 32 (di cui è una specie di estensione) e seguito dal cat 38 (chiamato anche V-Cat 38 perchè Vallicelli collaborò al disegno) e poi infine il Cat 34. La serie finì perchè Vallicelli iniziò a fare da sè e Carlo Alberto Tiberio andò a insegnare in Somalia.

Il disegno della carena è caratterizzato da slanci accentuati ma non eccessivi, fianchi larghi (che danno alla barca un grande spazio interno), una V non troppo profonda, deriva a freccia (ma ne esistono anche versioni con derive diverse) e timone sorretto da uno skeg.

Lunga 9,70 m, è larga 3,10 m al baglio massimo e ha un pescaggio di 170 cm.

Una caratteristica importante è il metodo costruttivo impiegato: la tecnologia del "sandwich grecato", che consente allo scafo rigidità e robustezza elevate.

L'armo è quello tipico del periodo: una randa piccola e un grande genoa.

Nessun commento: